Il corpo e l’immagine di sé in adolescenza

Il corpo può assumere significati diversi nell’immaginario adolescenziale.
Lo sviluppo puberale crea uno sconvolgimento somatico e il corpo sembra un estraneo; esso si impone diventando un protagonista non voluto né previsto. I ragazzi e le ragazze sono impegnati in una complessa riorganizzazione.

L’adolescente si chiede se ciò che il proprio corpo prova e sperimenta è interno a sé oppure proviene dall’esterno. Il corpo appare inadeguato a fornire una rappresentazione rassicurante. Sarà necessario un lungo periodo per costruire un’immagine di sé, in continuità con la propria storia infantile, perché il narcisismo sia sano e il senso di sicurezza e la certezza di essere si stabilizzino.

Anche se la maggior parte degli adolescenti riesce adeguatamente ad elaborare tale periodo evolutivo, la crisi adolescenziale oscilla tra un significato positivo di cambiamento maturativo e un significato negativo di equilibrio e rischio potenziale di scompenso psicologico. Si assiste ad una metamorfosi veloce che sconvolge equilibri prima raggiunti e provoca segni di rottura, di disgregazione, di vuoto e paura dell’ignoto che spezza il senso di continuità di sé. Un comportamento caratteristico di questa fase è la verifica ossessiva del proprio corpo, un’esplorazione solitaria dove lo specchio diventa il compagno segreto.

Le modificazioni repentine avvertite sul piano corporeo, provocano modificazioni dell’immagine di sé e l’adolescente avverte che il suo corpo si modifica in maniera confusa, disarmonica.

 

 

Rosaria Aragiusto

Rosaria Aragiusto

Psicologa Clinica Esperta in Età Evolutiva. Specialista in Psicoterapia Psicoanalitica del Bambino, dell’Adolescente e della Coppia. Membro associato della Società di Psicoterapia Psicoanalitica dell’Infanzia, dell’Adolescenza e della Coppia (SipsiaRoma)

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>