Il cervello che comunica: alla Mostra Uomo Virtuale di Torino conferenza sulla connettività cerebrale

connessioni-cerebrali-mostra-torino

Torino, 20 settembre 2019 – È alla base del funzionamento del cervello, ma anche dello sviluppo di alcune patologie che possono colpirlo. Parliamo della Connettività cerebrale, ovvero la complessa rete di connessioni e collegamenti che permette il trasporto dell’informazione tra le aree del cervello. Per studiare l’insieme di tutte le connessioni, detto Connettoma, i ricercatori utilizzano la teoria dei grafi: da questo approccio matematico è nata negli ultimi anni la Connettomica, una nuova scienza che si occupa di costruire la mappa del cervello.

La necessità di focalizzare l’attenzione sulle connessioni tra neuroni o gruppi di neuroni nasce dall’importanza del concetto di sincronia: un fenomeno pressoché equidiffuso, alla base di numerosissimi fenomeni naturali. Nel cervello la sincronia è strettamene legata al concetto di cooperazione e di trasferimento di informazione tra neuroni o aree cerebrali.

Molte patologie cerebrali alterano nello specifico alcune di queste connessioni. Spiega quali l’esperto di neuroimmagini Franco Cauda (docente di Psicologia Fisiologica e Psicobiologia – FocusLab e NIT dell’Università di Torino) ospite della Mostra “Uomo Virtuale. Corpo, Mente, Cyborg” (aperta fino al 13 ottobre al Mastio della Cittadella di Torino).

Appuntamento con la conferenza “La connettività cerebrale: il cervello che comunica” giovedì 26 settembre alle 18.00, al Mastio della Cittadella di Torino (via Cernaia angolo c.so Galileo Ferraris). Ingresso gratuito alla mostra dalle 17.30.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>