I “nemici” dell’eros

Il lento assopirsi dei sensi porta inevitabilmente i partner a raffreddarsi e a cercare altrove le emozioni e la calda forza di eros!

i-nemici-di-eros-Marco-RossiHo sempre ritenuto la teoria elaborata da Robert J. Sternberg, psicologo statunitense dell’università di Yale, una sorta di “vangelo” per le coppie; egli sostiene che l’amore maturo è quello composto da tre componenti, che possono essere graficamente collocate ai vertici di un triangolo equilatero. Le tre componenti sono: la passione, l’intimità e la progettualità.

Purtroppo la mia esperienza di terapeuta mi ha portato a constatare che due di questi tre vertici stanno diventando sempre più frequentemente le sbarre di una gabbia dentro la quale è prigioniera la coppia: una gabbia che separa sempre di più la coppia da eros! Mi riferisco all’intimità intesa solo come coccole, tenerezze e complicità amicale. I partner tendono ad essere sempre più amici e sempre meno amanti, tendono a confidarsi tutto, ad una complicità esasperata che li porta a svelare ogni mistero… E quindi ad uccidere eros!

Lo stesso vale per la progettualità, infatti se i partner dedicano tutte le loro energie a voler realizzare i loro progetti, ad affermarsi nel lavoro e a guadagnare sempre di più esauriscono tutta l’energia vitale che dovrebbe essere rivolta ad eros e di conseguenza la coppia non ha nemmeno la forza di scoppiare… ma si sgonfia!

Questo lento assopirsi dei sensi, questa mancanza di energia erotica, questo sonnecchiare della passione porta inevitabilmente i partner a raffreddarsi e a cercare altrove le emozioni e la calda forza di eros!

Molti miei pazienti, sia donne che uomini, mi confessano che ormai la loro relazione si è spenta, che la loro convivenza è sempre più paragonabile al un rapporto fra “fratello e sorella”, e quando chiedo Che cosa allora vi tiene uniti?, la risposta è: progetti, famiglia e figli!… Quelli che ormai io definisco: i nemici di eros!

Sembra assurdo che i figli, che sono la manifestazione tangibile del potere dell’amore, siano invece sempre più spesso il più potente anticoncezionale: la coppia spesso smette di fare sesso addirittura nel momento stesso in cui prende coscienza del concepimento! Da un lato il calo del desiderio è comprensibile nella donna per questioni ormonali, ma a questo si aggiunge l’assurda paura che il sesso possa danneggiare il nascituro. Per non parlare poi del post parto, dove l’uomo spesso vede la donna più come madre che come moglie e quindi automaticamente l’intimità diventa quasi un sacrilegio! A tutto questo si aggiunge la paura che il bambino possa sentire quando si fa l’amore, come se ci fosse un motivo di vergognarsi ad amarsi!

Ritengo che le coppie debbano essere aiutate a comprendere che il segreto per una serena vita di coppia è quello di riuscire a trasformare la forza di eros in una forza centripeta che unisce la coppia, e non permettere alla progettualità, famiglia e figli (P.F.F) di diventare forze centrifughe che allontanano i due partner dalla coppia. Bisogna liberare la “magica e misteriosa intesa dei sensi” e imprigionare gli obiettivi, i doveri, i progetti in modo da far risorgere eros, grazie alla passione e alle emozioni.

Marco Rossi

Marco Rossi

Specialista in Psichiatria. Psicoterapeuta, Sessuologo Clinico. Presidente Società Italiana di Sessuologia ed Educazione Sessuale

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *