I farmacisti italiani si stringono attorno al carabiniere ferito a Fidene

logo-fofi-federazione-ordini-farmacisti-italiani

andrea-mandelli

Sen. Andrea Mandelli

Roma, 14 giugno 2016 – “Tutti i farmacisti italiani si uniscono nella riconoscenza e nell’augurio di una pronta guarigione al maresciallo dei carabinieri rimasto ferito dopo essere intervenuto durante la rapina alla farmacia di Fidene – dice il presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani, sen. Andrea Mandelli – Dalla dinamica dei fatti il malvivente ha usato armi da fuoco e questo non può non far pensare a una pericolosa escalation: negli ultimi tempi gli assalti alle farmacie avevano caratteristiche differenti. Ringraziamo le forze di polizia per il loro impegno quotidiano e per la grande attenzione che hanno sempre mostrato verso i nostri presìdi, una preda facile della criminalità, come testimonia anche la vicenda della collega Mariassunta Florio, che nell’ultimo mese ha subìto quattro rapine. Comprendiamo lo scoramento della collega quando dice che non è più possibile continuare a lavorare guardando continuamente la porta nel timore che possa accadere il peggio. Credo che le autorità debbano fare tutto quanto possibile per favorire il lavoro delle forze dell’ordine e anche per far sì che professionisti come la dottoressa Florio possano continuare a lavorare per la collettività sentendosi tutelati”.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>