Giorno della Memoria. Rocca, CRI: “Troppi sono gli olocausti contemporanei”

logo-croce-rossa-italiana-cri

avv-francesco-rocca-presidente-cri

Avv. Francesco Rocca

Roma 26 gennaio 2018 – “Sono passati diciotto anni dell’istituzione della Giornata della Memoria: una commemorazione doverosa che, oggi più che mai, ha l’importante compito di custodire e divulgare un’epocale tragedia avvenuta oltre settant’anni fa, quella della Shoa. Oggi bisogna far sì che l’Olocausto rimanga unmonito per le giovani generazioni, perché altro non è che l’atroce testimonianza di gravissime violazioni dei diritti umani e prevaricazioni della libertà cui, ancora oggi, assistiamo impotenti: troppi, infatti, sono gli Olocausti contemporanei.

Lo sanno bene i nostri volontari e tutti gli operatori della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa che, spinti dalla passione e dall’impegno su tutto il territorio nazionale e nel mondo, con il loro operato testimoniano l’importanza fondamentale del Diritto Internazionale Umanitario e delle Convenzioni di Ginevra.

Il nostro Movimento, custodendo e interpretando in ogni sede e in ogni luogo i 7 Principi che lo ispirano, si pone attivamente a servizio dei più vulnerabili, di tutti coloro i quali sono costretti a subire violenze e abusi. Ecco perché ancora oggi, parafrasando Primo Levi, L’Olocausto è una pagina del libro dell’Umanità da cui non dovremo mai togliere il segnalibro della memoria”.

Lo dichiara il Presidente della Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *