Geoscienze e tecnologie informatiche, convegno nazionale INGV

logo-INGV

intelligenza-artificiale-dito

Roma, 14 giugno 2019 – Da lunedì 17 e fino a mercoledì 19 giugno si terrà presso il Castello di Melfi (PZ) il XIV Convegno Nazionale della Sezione “GIT – Geosciences and Information Technologies” della Società Geologica Italiana, realizzato in collaborazione con l’Ordine dei Geologi di Basilicata.

L’evento si propone come ideale luogo multi-disciplinare per l’incontro, il confronto e il dialogo tra ricercatori, liberi professionisti, amministratori di enti pubblici e privati, giovani laureati e dottorandi, interessati allo sviluppo, integrazione e applicazione di innovativi approcci metodologici di analisi e gestione dei dati spaziali nell’ambito delle Geoscienze.

Quest’anno il convegno è stato patrocinato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) che, con il personale della Sede Irpinia di Grottaminarda, ha costituito un team per l’organizzazione.

L’evento, inoltre, realizzato con il patrocinio di Matera 2019 Open Future e con i principali enti sul territorio tra cui la Regione Basilicata e il Polo Museale regionale della Basilicata, rientra tra gli eventi di “Matera 2019 – Capitale Europea della Cultura” e beneficerà dei crediti formativi (APC) attribuiti dall’Ordine dei Geologi.

In particolare, sotto l’egida della “Fondazione Matera Basilicata 2019”, il 18 giugno è stata organizzata la sessione “Gli studenti tra tecnologia e consapevolezza dei rischi” che, focalizzata sulla formazione del “cittadino del futuro”, vedrà impegnati i ragazzi delle scuole superiori che hanno affrontato dei percorsi di alternanza scuola lavoro con diversi enti di ricerca, tra i quali l’INGV ed il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR).

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>