Focus in oncologia geriatrica. Convegno a Siena

logo-AOU-Senese

Aula 6, centro didattico, ore 9.00-17.00
Policlinico Santa Maria alle Scotte

prof-guido-francini_aou-senese

Prof. Guido Francini – Direttore dell’Oncologia Medica dell’AOU Senese; Presidente GOGI – Gruppo Oncologico Geriatrico Italiano

Siena, 14 ottobre 2015 – L’oncologia geriatrica è un settore in forte crescita, visto anche il rapido invecchiamento della popolazione. Proprio per questo motivo si terrà a Siena, presso l’aula 6 del centro didattico del policlinico Santa Maria alle Scotte, il 15 ottobre, il Simposio Satellite di Oncologia Geriatrica, organizzato dal prof. Guido Francini, direttore dell’Oncologia Medica dell’AOU Senese e presidente GOGI – Gruppo Oncologico Geriatrico Italiano.

“Le persone di 65 anni e oltre – spiega Francini – rappresentano il 60% delle diagnosi di cancro e il 69% dei decessi oncologici, pertanto l’oncologia geriatrica diventerà punto di riferimento per gli oncologi di tutto il mondo nel corso dei prossimi decenni”.

È ormai noto che le terapie oncologiche sono gravate da tossicità di vario ordine e grado. “Nel paziente anziano – aggiunge Francini – tali tossicità aumentano del 30% ed oltre. Inoltre in questi pazienti lo stato funzionale, la sfera cognitiva, il grado di supporto sociale possono influenzare le indicazioni al trattamento. Per cui gli obiettivi di cura potrebbero differire da quelli dei pazienti giovani”.

La cura per i pazienti anziani con tumore richiede una particolare specializzazione in oncologia geriatrica. “Per affrontare il problema – prosegue Francini – il GOGI ha da tempo istituito una politica educazionale organizzando corsi, seminari e convegni e investendo nella formazione universitaria”.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *