Fisioterapia: cronicità e fragilità. Convegno AIFI a Milano

logo-aifi-associazione-italiana-fisioterapisti

ginocchio

Milano, 14 novembre 2017 – Fisioterapia e farmaci come l’intervento chirurgico: stessi risultati ma maggiori benefici sul piano del risparmio economico. È questa l’indicazione di uno studio dello scorso anno condotto su 168 pazienti con ginocchio artrosico divisi in due gruppi, uno trattato con artroscopia e l’altro con approccio fisioterapico e l’utilizzo di medicinali: alla fine dello studio non sono emerse differenze significative sulla funzionalità e dolore del ginocchio artrosico e sulla qualità di vita.

La ricerca, dal titolo “Cost-effectiveness analysis of arthroscopic surgery compared with non-operative management for osteoarthritis of the knee”, è pubblicata sul National Center for Biotechnology Information della U.S. National Library of Medicine. Sarà uno degli argomenti trattati all’interno del Convegno “La Fisioterapia nella Cronicità e nella Fragilità”, che si terrà il prossimo 18 novembre presso il Royal Garden Hotel ad Assago-Milano, organizzato da AIFI Lombardia in collaborazione con ARIR, GIS Fisioterapia Geriatrica, GIS Neuroscienze, GIS TFTR e SICOA. L’evento, al via alle 8.50, sarà l’occasione per fare il punto sulla possibilità di modificare i processi di cura e presa in carico dei pazienti al fine di aiutare al meglio le persone con bisogni di salute attraverso interventi appropriati e sostenibili economicamente.

Il Convegno tratterà temi come la fisioterapia respiratoria per controllare le riacutizzazioni nelle BPCO e nelle malattie neurodegenerative, ma anche il ruolo della fisioterapia nella frattura di femore e nella prevenzione delle cadute, oppure il ruolo della fisioterapia nella malattia di Parkinson e nelle persone affette da questa patologia. Nel corso della mattinata prevista anche una tavola rotonda dal titolo “Come implementare i progressi della fisioterapia nel sistema sociosanitario lombardo?”.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>