Fibrillazione atriale cronica. Nasce il primo Centro europeo per il trattamento integrato aritmologico-chirurgico

logo-monzino

Al Monzino i primi 45 interventi di successo su pazienti considerati incurabili. Al via il Centro per il trattamento integrato della fibrillazione atriale cronica

Gianluca-Polvani_Monzino

Prof. Gianluca Polvani – Direttore della U.O. di Cardiochirurgia II – Centro Cardiologico Monzino

Milano, 31 agosto 2015 – I malati di fibrillazione atriale grave e recidivante, per i quali l’elettrofisiologia da sola non riesce a riportare il cuore al suo ritmo, oggi hanno una nuova speranza di guarigione: al Centro Cardiologico Monzino le equipe di Aritmologia, guidata dal prof. Claudio Tondo, e di Cardiochirurgia II, guidata dal prof. Gianluca Polvani, hanno messo a punto un intervento combinato, che permette di curare con successo anche i casi considerati fino a ieri irrecuperabili.

Sono stati trattati fino ad oggi 45 pazienti che, dopo un follow-up di un anno e mezzo hanno riportato una percentuale di successo del 91%. I risultati ottenuti fanno pensare che la nuova metodica diventerà il trattamento standard che chirurghi e aritmologi dovranno utilizzare. Da qui l’idea di istituire al Monzino un Centro per il trattamento integrato della fibrillazione atriale cronica, che si occuperà anche del training di aritmologi e cardiochirurghi.

L’integrazione comincia già nella fase di valutazione: gli specialisti stabiliscono insieme l’eleggibilità del paziente alla procedura. “Nelle forme di fibrillazione atriale più aggressive e complesse – spiega Tondo – l’ablazione tradizionale può non essere risolutiva. Su 100 malati di fibrillazione atriale il 10% non guarisce né con i farmaci né con ripetute ablazioni, e la qualità della loro vita è inaccettabile. Per questi pazienti abbiamo pensato di ‘attaccare’ il problema su due fronti: dall’interno con un mappaggio elettro-anatomico effettuato con le nostre tecniche interventistiche (vale a dire con l’accesso di un catetere attraverso i vasi), che individua l’area malata ricostruendo con estrema precisione dove si forma l’anomalia del ritmo, e dall’esterno, con un approccio chirurgico mininvasivo che rimuove la lesione, riportando in ritmo il cuore. Abbiamo chiesto ai colleghi chirurghi di studiare e perfezionare la tecnica, e pressoché da subito i risultati sono stati straordinari”.

Claudio-Tondo_Monzino

Prof. Claudio Tondo – Direttore della U.O. di Aritmologia – Centro Cardiologico Monzino

“Si tratta di un atto chirurgico nuovo – continua Polvani – che si effettua in una Sala Multifunzionale a cuore battente e in toracoscopia 3D, per permettere la visione tridimensionale del campo operatorio. In sostanza, guidati dal mappaggio elettro-anatomico appena eseguito dai colleghi aritmologi, effettuiamo l’intervento ablativo con una chirurgia assolutamente mininvasiva. Pratichiamo tre piccoli fori nel torace e posizioniamo temporaneamente un ablatore che, circondando l’atrio di sinistra, garantisce la completa esclusione dei ‘focolai aritmici atriali’, vale a dire quelle zone di alterata funzionalità che generano l’aritmia. Dopo il chirurgo, interviene ancora l’aritmologo per verificare con un nuovo mappaggio l’avvenuta ablazione o, se necessario, per effettuare un intervento transcatetere a completamento della procedura. Possiamo parlare veramente di trattamento integrato aritmologico-chirurgico”.

“Questo intervento è da considerare salvavita – conclude Tondo – perché va sottolineato che chi soffre di queste forme gravi di fibrillazione atriale è candidato oggi a rimanere senza cura e a diventare un malato scompensato o soggetto a episodi tromboembolici. Credo non ci sia abbastanza coscienza del fatto che la fibrillazione atriale sia il maggiore fattore di rischio per l’ictus e non dobbiamo stancarci di ripeterlo. Va anche chiarito che l’intervento in toracoscopia 3D permette una ripresa rapida dagli effetti post-operatori e una sensazione di benessere immediato. Il malato ha la sensazione di essere ritornato alla vita. Abbiamo presentato i nostri dati al Congresso Americano di Chirurgia Cardiotoracica nell’Aprile di quest’anno suscitando grande stima ed interesse per i risultati ottenuti”.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

4 Risposte

  1. Avatar Claudio ha detto:

    Ho di nuovo fibrillazione atriale, ho fatto due ablazioni al Monzino per aritmie ventricolari nel 2008, e una per fibrillazione atriale a Pisa, quest’ultima nel 2013. Nel 2003 ho avuto intervento di valvuloplastica mitralica. Qui a Pistoia mi dicono che dovrei portare per sempre la fibrillazione, ma a me questo spaventa. Gli episodi di fibrillazione atriale in me sono stati molteplici, però dall’ultima ablazione del maggio 2014 a Pisa non ho avuto più fibrillazione fino ad una settimana fa. Tenerla in forma cronica mi spaventa. Cosa posso fare perché questo non si verifichi? Gradirei una vostra risposta, grazie. Saluti. Claudio Berti. Pistoia

  2. Avatar Nicola Manfredi ha detto:

    Dal 2009 ho la Fibrillazione Atriale Ischemica, mi sto curando con il Pradaxa, ma non mi sento guarito, anzi peggioro giorno dopo giorno, ho 64 anni. Prendo più di 10 farmaci per la pressione alta, ora è regolare. Vivo in una struttura sanitaria da 3 anni e mezzo

  3. Avatar tropi giuseppina ha detto:

    Mio fratello di 56 anni da circa 15 anni è affetto da fibrillazione atriale permanente refrattaria a terapie mediche è asintomatico, attualmente in terapia con xarelto; esiste un intervento risolutivo per lui?

  4. Avatar Paolo Resi ha detto:

    Ho 77 anni soggetto da circa 16 mesi ad episodi, direi sporadici, di fibrillazione atriale.. Vivo a Dubai e saro’ a Roma a fine di questo mese. Ho un rapporto del cardiologo che mi segue a Dubai. Vorrei sottoporvi il mio caso ed, avere un Vs. parere su un intervento da parte vostra. Avete un centro a Roma o dove in Italia. Vi invierei il rapporto del Centro di Dubai e vorrei avere un vs. assessment della mia situazione per poi decidere se il caso di un vs. intervento. Attualmente sono su Flecanide 200mg/giorno e Bisopropol 2.5 mg/giorno. Vi ringrazio anticipatamente per un eventuale appuntament intorno al 24 Marzo pv.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *