Energia e sviluppo sostenibile. Università di Bologna ed ENEA insieme per la ricerca

loghi-universita-di-bologna-enea

Un nuovo accordo quadro di collaborazione amplia ulteriormente la partnership tra le due istituzioni: infrastrutture condivise, nuovi percorsi formativi, attività internazionali ed eventi per la diffusione dei risultati

accordo-unibo-enea

Bologna, 5 settembre 2017Il rettore dell’Università di Bologna Francesco Ubertini e il presidente ENEA, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, Federico Testa, hanno firmato oggi un accordo quadro di collaborazione che amplia ulteriormente la partnership tra le due istituzioni protagoniste nel campo della ricerca scientifica e tecnologica italiana.

L’accordo promuove l’avvio di attività di ricerca a sostegno dell’innovazione a livello regionale, nazionale ed europeo. Cambiamenti climatici, qualità dell’aria, recupero e rigenerazione urbana, salvaguardia del patrimonio artistico e ambientale, fonti rinnovabili, efficienza energetica, biotecnologie industriali e chimica sostenibile sono i principali ambiti scientifici della collaborazione. Senza dimenticare smart cities e smart buildings, industria 4.0 e tecnologia dei materiali.

Sono previste la condivisione di infrastrutture di ricerca, la creazione di percorsi di alta formazione, inclusa la progettazione e realizzazione di nuovi corsi di dottorato, attività di internazionalizzazione e l’organizzazione di seminari, convegni e altri eventi per la diffusione dei risultati di ricerca.

La durata dell’accordo è di cinque anni, prorogabile per altri quattro. Le collaborazioni in corso tra Alma Mater ed ENEA sono numerose e comprendono progetti di ricerca congiunti, anche europei, partecipazioni a cluster tecnologici nazionali e a network comunitari, collaborazioni nell’ambito della Rete alta tecnologia della Regione Emilia-Romagna, finanziamento di assegni di ricerca.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>