Emergenza Covid-19, significativo contributo economico della Chiesa all’IRCCS Gemelli

Roma, 31 marzo 2020 – “Esprimo a nome di tutta la comunità della Fondazione il nostro vivo ringraziamento per questo concreto segno di vicinanza della Chiesa italiana grazie al significativo contributo che la Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana ha deciso di destinarci. Ci sentiamo confortati e incoraggiati da questo sostegno in questa fase di massimo sforzo di tutte le componenti della nostra istituzione (medici, infermieri, operatori sanitari, specializzandi, personale tecnico, cappellani) intitolata al fondatore dell’Università Cattolica Padre Agostino Gemelli, che ci vede in prima linea dall’inizio della pandemia – afferma il Direttore generale della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS Marco Elefanti – Questo contributo finanziario sarà prontamente utilizzato per completare l’acquisto di tecnologie e mezzi per rendere ancora più efficace la quotidiana battaglia contro il Coronavirus che la Fondazione sta conducendo con la cura di centinaia di pazienti con Covid19 assistiti e ricoverati sia nei reparti del Policlinico sia nei reparti del Columbus Covid 2 Hospital”.

In particolare i fondi saranno impiegati per il potenziamento dei laboratori di Microbiologia e Virologia del Gemelli con l’acquisto di ulteriori apparecchiature per la diagnostica dell’infezione da Coronavirus che velocizzino l’accesso alla diagnosi dei pazienti in attesa al pronto soccorso del Policlinico, nelle degenze e al domicilio.

“Proseguiamo quindi con rinnovato impegno – conclude il prof. Elefanti – per dare una fattiva risposta insieme alla Chiesa italiana in questa fase difficile per il Paese”.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *