Emergenza caldo e anziani: al Sant’Orsola otto posti letto dedicati

loghi-sant'orsola

corsia-osp

Bologna, 9 agosto 2017 – Otto posti letto per far fronte all’aumento dei ricoveri dal Pronto Soccorso per il caldo. Il mini-reparto del Policlinico di Sant’Orsola comprenderà 4 posti letto nell’Unità operativa di Geriatria diretta dalla dottoressa Maria Lia Lunardelli ed altri 4 nell’area di Medicina interna, a supporto del Dipartimento dell’Emergenza, diretta dal professor Marco Lenzi. Gli otto posti, che potrebbero diventare 10 se necessario, saranno aperti da domani fino al 20 agosto. Da oggi, inoltre, sono stati bloccati i ricoveri programmati.

Le due misure si sono rese necessarie per far fronte al picco di accessi al Pronto Soccorso e di ricoveri che si sono registrati in particolare tra gli over 75 negli ultimi giorni. Dal primo agosto a ieri gli accessi al PS dei cosiddetti ‘grandi anziani’ sono passati da 50 a 77, con un aumento del 54%. Ancor più forte l’incremento dei ricoveri, più che raddoppiati nello stesso periodo, da 17 a 35 al giorno. La percentuale degli over 75 ricoverati tra tutti quelli che sono entrati in PS è passata dal 34% del primo agosto al 50% e 45% di domenica e lunedì.

“Il perdurare di una situazione climatica proibitiva – spiega il direttore sanitario Gianbattista Spagnoli – ha messo a dura prova in particolare gli anziani, causando febbre, disidratazione e difficoltà respiratorie. Non si tratta quasi mai di quadri clinici di per sé preoccupanti, ma è necessarie tenere in osservazione questi pazienti, soprattutto quando non hanno a casa chi potrebbe prendersene cura. Per questo abbiamo cercato le risorse umane necessarie a riaprire 8 posti letto. Una disponibilità aggiuntiva che manterremo comunque fin dopo Ferragosto”.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>