Dolore muscoloscheletrico, come curarlo. L’importanza delle tecniche di anestesia locoregionale

L’ASST Gaetano Pini-CTO dedica una giornata di approfondimento per gli specialisti sul trattamento del dolore muscoloscheletrico

Milano, 9 dicembre 2019 – La problematica della riduzione e controllo del dolore derivato dalle patologie muscoloscheletriche e dai relativi interventi chirurgici ortopedici è tuttora argomento da approfondire. Per questo motivo il dott. Paolo Grossi, Direttore dell’Anestesia e Rianimazione del Presidio Pini ed esperto di Terapia del Dolore, ha organizzato un congresso dedicato ai criteri di valutazione e al trattamento del dolore muscoloscheletrico che si terrà il 14 dicembre, a partire dalle 8.30, nell’aula magna del Presidio Pini, in via Gaetano Pini, 9, Milano.

Scopo dell’incontro è evidenziare i criteri di inquadramento del sintomo dolore, fondamentali per consentire un trattamento esteso perioperatorio e ottimizzare i risultati relativi al controllo del dolore, mediante l’integrazione tra tecniche e farmaci.

Infatti, è stato dimostrato che l’associazione tra farmaci oppiacei e non garantisce un’efficacia superiore rispetto alle somministrazioni monofarmacologiche e provoca minori effetti collaterali e complicanze. Anche le tecniche di anestesia locoregionale entrano in gioco nel trattamento del dolore muscoloscheletrico e devono essere modulate e integrate in questo processo.

A sostegno delle tesi del congresso sarà inoltre esaminato un caso clinico emblematico di trattamento a medio termine di un paziente con lombalgia cronica recidivante.

Il congresso è rivolto agli specialisti in Anestesia e Rianimazione, Chirurgia Generale, Medicina Fisica e Riabilitazione, Medici di Base, Ortopedia e Traumatologia, Reumatologia, Terapia del Dolore per meglio utilizzare gli strumenti di indagine e farmacologici oggi disponibili.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *