Disturbi del pavimento pelvico. Congresso mondiale a Pisa

logo-aou-pisana

congresso-pavimento-pelvico-pisa-1Pisa, 25 novembre 2016 – Grande successo per il primo congresso internazionale sulla gestione dei disturbi del pavimento pelvico, organizzato dal dott. Gabriele Naldini e dal prof. Tommaso Simoncini all’Hotel Galilei di Pisa, che ha registrato una grandissima affluenza con oltre 400 partecipanti provenienti da 39 diversi Paesi. Si è trattato di un evento di risonanza mondiale in cui sono state approfondite tematiche comuni ai vari specialisti coinvolti: chirurghi colo-rettali, ginecologi, gastroenterologi, urologi e riabilitatori del pavimento pelvico.

Mai prima d’ora in Italia si era organizzato un evento internazionale che avesse riunito tanti differenti specialisti con un unico comune obiettivo: la gestione olistica e multidisciplinare del paziente con disordini del pavimento pelvico.

congresso-pavimento-pelvico-pisa-2Sono stati infatti presentati e discussi i più recenti lavori scientifici pubblicati su riviste internazionali, approfondendo argomenti quali prolasso di organi pelvici, incontinenza, dolore pelvico cronico e cambiamenti nella sessualità come esito di trattamenti chirurgici.

Essenziali per l’ottima riuscita dell’evento, le equipe delle due strutture, la Chirurgia proctologica e perineale e la Ginecologia ed Ostetricia 1, che hanno affiancato il dott. Naldini e il prof. Simoncini in tutte le varie fasi organizzative, presentando le più recenti esperienze e i risultati chirurgici delle due strutture. Solo la loro pluriennale collaborazione nella creazione di un gruppo multidisciplinare poteva portare a un risultato di tale livello, essendo tutti insieme esempio di lavoro di squadra per fini comuni.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *