Disfunzioni del pavimento pelvico. Approccio multidisciplinare all’AOU di Ferrara

logo-aou-ferrara

AOU-Ferrara_corridoio-1D1-persone-spalle-settore1

Ferrara, 24 aprile 2017 – Proseguono gli appuntamenti organizzati dall’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara in occasione di “(H)Open Week” promossa da Onda negli ospedali che hanno ottenuti i Bollini Rosa (ospedale a misura di donna).

26 aprile. Approccio multidisciplinare alle disfunzioni del pavimento pelvico. Patologia del pavimento pelvico: può sembrare un’espressione tecnica e sconosciuta ai più, ma si tratta invece di una malattia molto diffusa e spesso sottovaluta che interessa una parte del corpo molto delicata: appunto la pelvi, sotto il pube.

Oltre il 30% delle donne ne soffrono (prolasso uterino, vescicale e rettale, incontinenza urinaria, defecazione ostruita, incontinenza fecale), e soprattutto quelle che hanno avuto figli (ed eventuali lacerazioni dovute al parto) con gravi ed evidenti disagi per la vita affettiva, sessuale e sociale.

Vi sono vari livelli di gravità e disfunzionalità e quindi diverse possibili soluzioni: dalle cure mediche e farmacologiche fino agli interventi chirurgici. Ora anche il Sant’Anna si è dotato di un team multidisciplinare in cui ginecologhe, chirurghe, e urologhe assistono e curano le molte donne che nel ferrarese, ma non solo, presentano l’urgenza e la sofferenza di una patologia del pavimento pelvico.

Donne per le donne: ma non è solo medicina e chirurgia di genere. Si tratta infatti di un nuovo approccio orientato alle persone (in questo caso le donne) e ai loro specifici problemi. Una modalità nuova in grado di risolvere problemi attraverso visite combinate, percorsi unificati di analisi clinica della paziente, diagnosi e terapie frutto di decisioni condivise e, quando necessario, interventi operatori in équipe.

fonte: ufficio stampa (foto del Servizio Audiovisivi dell’AOU di Ferrara)

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *