Disabilità, cosa cambia in Toscana con l’approvazione della Legge regionale. Incontro alla Scuola Sant’Anna di Pisa

logo-scuola-sant-anna-pisa

disabilita

Pisa, 11 aprile 2019 – Quanto (e cosa) è cambiato con l’approvazione della legge regionale toscana n. 60/2017, sui diritti delle persone con disabilità? Cosa si può cambiare, cosa resta da fare? Queste sono le domande alla base del seminario che  si terrà presso l’Aula Magna della Scuola Superiore Sant’Anna lunedì 15 aprile a partire dalle ore 10.00, mettendo attorno ad un tavolo associazioni per i diritti della persona con disabilità, attori politici, istituzionali e scientifici sotto la guida del Prof. Emanuele Rossi dell’Istituto di Diritto, Politica e Sviluppo della Scuola Sant’Anna.

“La legge regionale era attesa – ha sottolineato il Prof Emanuele Rossi – e direi dovuta. È una buona notizia che sia stata approvata, meno positivo è il contenuto: perché prevalgono le promesse di ciò che potrà essere fatto, ma sono insufficienti le garanzie dei diritti delle persone con disabilità”.

Dopo una sessione dedicata all’analisi e all’approfondimento del percorso che ha portato all’approvazione della legge, dei suoi contenuti e delle questioni aperte, avranno quindi luogo due tavole rotonde, la prima con esponenti di alcune associazioni per i diritti della persona con disabilità e la seconda con esponenti del Consiglio regionale della Toscana.

L’iniziativa si inserisce all’interno della collaborazione tra Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa (coinvolgendo, in particolare, il Laboratorio WISS dell’Istituto Dirpolis – Diritto,Politica, Sviluppo) e Regione Toscana, che da anni collaborano su diversi fronti e diverse tematiche, non ultima – appunto – quella della disabilità.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>