Diabete e ipertensione in gravidanza, meeting a Firenze

logo-azienda-ospedaliera-universitaria-careggi-firenze

donna-incinta-gravidanza-autunno

Firenze, 29 maggio 2019 – Prevenire le complicanze in gravidanza è il tema del decimo simposio internazionale (DIP) su diabete, ipertensione e sindrome metabolica durante la gestazione, presieduto dal prof. Mosche Hod del Rabin Medical Center in Israele. La Maternità di Careggi è partner dell’evento scientifico in programma a Firenze alla Fortezza da Basso dal 29 maggio al primo giugno che vede presenti i maggiori esperti dall’Italia e dal mondo, impegnati nella prevenzione e nel trattamento delle complicanze materne e fetali in gravidanza.

“Sono condizioni rischiose – spiega il prof. Felice Petraglia dell’Università di Firenze e direttore della Maternità dell’Azienda Careggi – con conseguenze potenzialmente gravi per la salute della madre e del nascituro che si presentano con rilevante incidenza tra il 15 e il 20 per cento e aumentano con l’età della partoriente e che richiedono un approccio multidisciplinare e ad alta tecnologia, proprio di grandi ospedali”.

Uno dei temi più attuali del Congresso è l’identificazione delle donne a rischio di avere queste complicanze della gravidanza. Il prof. Federico Mecacci porterà a confronto i risultati del Centro di Medicina Prenatale di Careggi nelle donne con diabete gestazionale e sindrome metabolica, che pongono il Centro di Firenze tra i punti di riferimento Internazionali.

Il Congresso rappresenta l’occasione per presentare i nuovi dati di genetica, metabolomica e ‘big data’ che stanno portando la medicina di precisione ad entrare nella gestione della medicina materno-fetale, in particolare per i disturbi ipertensivi materni e per le patologie della crescita fetale.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>