Dermatite atopica, colpisce circa il 20% dei bambini e il 5% degli adulti. Visite gratuite all’IRCCS Galeazzi

Milano, 25 novembre 2019 – La campagna nazionale di sensibilizzazione sulla dermatite atopica dell’adulto “Dalla parte della tua pelle”, che prevede visite dermatologiche gratuite su prenotazione per chi soffre di questa patologia, torna a Milano sabato 30 novembre.

La campagna, promossa dalla “Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse” (SIDeMaST), vuole offrire consulti gratuiti su prenotazione in trenta centri ospedaliero-universitari in cui gli specialisti dermatologici saranno a disposizione per aiutare gli adulti che soffrono di dermatite atopica a intraprendere il percorso di cura più adatto alle singole esigenze dei pazienti.

La Dermatite atopica è una malattia infiammatoria cronica non contagiosa caratterizzata da prurito intenso e costante, forte secchezza della cute, comparsa di rossore diffuso e vescicole su diverse aree del corpo. La patologia ha un forte impatto sulla qualità di vita dei pazienti. In Italia si registra un’alta incidenza di dermatite atopica negli adulti: l’8,1% degli intervistati ammette di soffrirne, a fronte di una media del 4,9% di altri Paesi.

Sabato 30 novembre presso l’U.O. di Dermatologia dell’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano, diretta dal prof. Paolo Pigatto, chi soffre di dermatite atopica potrà sottoporsi a una visita gratuita.

È possibile prenotare il controllo dermatologico telefonando al numero 340 4279447 dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 15.00.

“La dermatite atopica è una patologia che deve essere trattata per lunghi periodi di tempo ma, fino ad ora, non disponevamo di terapie realmente efficaci e sicure, se si escludono il cortisone e alcuni immunosoppressori, topici o sistemici, che però non possono essere utilizzati per un lungo periodo – afferma il professor Paolo Pigatto – Oggi la ricerca ci mette a disposizione dei nuovi farmaci sicuramente innovativi, con un profilo di efficacia e sicurezza molto elevato, ma con la capacità di controllare la malattia a lungo e di attenuarne significativamente i sintomi in tempi brevi: sicuramente una grande opportunità per i pazienti”.

La Campagna “Dalla Parte della tua pelle” è promossa da SIDeMaST con il Patrocinio di ADOI (Associazione Dermatologi Venereologi Ospedalieri Italiani e della Sanità Pubblica) e di ANDEA (Associazione Nazionale Dermatite Atopica).

La Dermatite atopica
La dermatite atopica è una malattia infiammatoria cronica non contagiosa ad interesse sistemico che colpisce tra il 10 e il 20% dei pazienti in età pediatrica e circa il 5% in età adulta. È caratterizzata da un prurito intenso e costante, forte secchezza della cute, comparsa di rossore diffuso e vescicole su diverse aree del corpo che possono variare a seconda dell’età del paziente.

La patologia in età adulta colpisce principalmente le mani e i piedi, le pieghe dei gomiti e delle ginocchia, i polsi e le caviglie, il collo, il viso e il torace. Il decorso è cronico recidivante, si alternano periodi di remissione parziale a periodi di peggioramento.

È una malattia sistemica, complessa e multifattoriale scatenata, oltre che dalla predisposizione genetica, da fattori ambientali come l’inquinamento, l’esposizione ad allergeni alimentari, irritanti e allergeni da contatto.

L’impatto sulla qualità della vita dei pazienti è significativo: l’aspetto della cute arrossata e desquamante può infatti interferire con le relazioni sociali e il prurito forte e incessante può causare difficoltà di concentrazione, perdita di sonno, stanchezza.

La dermatite atopica si associa spesso ad altre manifestazioni come asma, rino-congiuntivite allergica, rino-sinusite con polipi nasali e allergie alimentari.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *