Danni neurologici da cirrosi epatica: procedura d’avanguardia mininvasiva ripristina funzioni mentali

logo-azienda-ospedaliera-universita-padova

La tecnica, effettuata in pochi centri al mondo, è stata eseguita con successo da un’equipe interdisciplinare dell’Azienda Ospedaliera/Università di Padova

prof-piero-amodio-e-gruppo-clinica-medica-a-orientamento-epatologico-ao-padova

Il prof. Piero Amodio a sinistra, con alcuni medici della Clinica Medica a Orientamento Epatologico

Padova, 13 agosto 2018

L’intervento – Affetto da gravi conseguenze neurologiche della cirrosi epatica, un paziente è stato sottoposto alla chiusura per via venosa della comunicazione anomala che si era aperta fra la vena renale sinistra e la vena proveniente dalla milza. L’operazione è stata eseguita da un’equipe interdisciplinare di clinici dell’Azienda Ospedaliera/Università di Padova; radiologi interventisti: dott. Giulio Barbiero e dott. Michele Battistel della Radiologia diretta dal prof. Diego Miotto, gastroenterologi: dott. Marco Senzolo dell’Unità Trapianti Multiviscerali diretta dalla prof.ssa Patrizia Burra, con il coordinamento clinico del prof. Piero Amodio e della dott.ssa Sara Montagnese della Clinica Medica a Orientamento Epatologico diretta dal prof. Paolo Angeli dell’Azienda Ospedaliera/Università di Padova.

radiologi-interventisti-ao-padova

I Radiologi Interventisti dell’A.O. di Padova

La patologia – La cirrosi epatica può causare saltuari disturbi mentali come l’encefalopatia epatica. Questi disturbi possono divenire persistenti, simili a una condizione di demenza alla quale si alternano momenti di incertezza dell’espressione verbale con comportamenti bizzarri e inadeguati che rendono il paziente disabile, costringendolo ad una condizione di completa dipendenza.

Ciò talvolta è causato da alterazioni della circolazione del sangue all’interno dell’addome: si aprono nuove comunicazioni che sottraggono il sangue dei visceri all’azione depuratrice del fegato e lo riversano, non depurato, nella circolazione generale.

La tecnica applicataUn catetere è stato introdotto per via percutanea mini-invasiva attraverso la vena femorale, spinto fino alla vena renale sinistra e introdotto nella comunicazione anomala con la vena proveniente dalla milza. Quindi, è stato introdotto del materiale pro-coagulante che ha impedito il passaggio di sangue nella vena renale e lo ha re-diretto verso il fegato per essere depurato.

La manovra si è conclusa positivamente e il paziente di 70 anni ha ripreso la sua vita di prima, riacquistando buona parte delle sue funzioni mentali.
La multidisciplinarietà ha permesso di realizzare a Padova e per la prima volta in Veneto, con successo, questa nuova procedura d’avanguardia effettuata in pochi centri al mondo.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>