Dalla robotica alle biotecnologie, il prestigioso ERC finanzia i progetti di 4 giovani ricercatori dell’IIT

logo-iit-istituto-italiano-tecnologia

laboratorio-analisi-ricerca-medicina

Genova, 3 settembre 2019 – Sono 4 i nuovi progetti finanziati dall’ERC-European Research Council conquistati dall’IIT-Istituto Italiano di Tecnologia, grazie alle ricerche di Arash Ajoudani, Francesco Di Stasio, Ilka Kriegel e Velia Siciliano. I giovani scienziati potranno nei prossimi 5 anni consolidare i loro studi nel campo della robotica collaborativa, delle tecnologie optoelettroniche quantistiche, dei nanomateriali per l’energia e delle biotecnologie per la salute, come le cellule CAR-T.

L’assegnazione dei finanziamenti “Starting grant” è stata comunicata ufficialmente oggi dall’ERC, con 408 vincitori in tutta Europa e un investimento complessivo di 603 milioni di euro, come parte del programma Ricerca e Innovazione di Horizon 2020. Dei 408 premiati dall’ERC, solo 18 saranno attivi in istituti di ricerca italiani. Inoltre, sebbene siano 37 i ricercatori italiani vincenti, rappresentando la terza nazionalità più rappresentata dopo la Francia (38) e la Germania (72), solo in 10 svolgeranno il loro lavoro in Italia. Gli “starting grant” possono ammontare fino a 2,5 milioni di euro e hanno la durata di 5 anni.

IIT si conferma un istituto in grado di attrarre e fare crescere scienziati con progetti all’avanguardia. Dei 4 nuovi ricercatori finanziati da ERC, 2 sono italiani rientrati nel nostro Paese dall’estero, dalla Spagna e dagli Stati Uniti, e 2 sono di nazionalità straniera ma presenti in IIT da diversi anni. Inoltre, IIT ha da poco acquisito nei propri laboratori altri 2 ricercatori finanziati dall’ente europeo: l’italiano Antonio Ambrosio, che ha lasciato l’Harvard University negli Stati Uniti per diventare responsabile del Laboratorio Vectorial Nano-Imaging presso il Centro di IIT a Milano, per continuare le sue ricerche nel campo della nano-ottica; e l’americano Michael Vincent Lombardo, in arrivo dall’Università di Cipro e responsabile oggi del Laboratorio di Autism and Neurodevelopmental Disorders presso il Centro di IIT a Rovereto (Trento), focalizzandosi sullo studio dello spettro autistico e degli elementi di differenza tra i vari tipi di manifestazione dell’autismo. Ad oggi IIT conta in totale 36 progetti finanziati dall’ERC.

Gli “Starting grant” sono i più prestigiosi finanziamenti per i giovani ricercatori che l’ERC promuove per investire sui nuovi talenti e rendere l’Unione Europea un luogo di ricerca d’eccellenza. Ciascun ricercatore potrà, infatti, costruire la propria squadra di lavoro e condurre gli studi in autonomia.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>