Cure dentarie per bambini autistici, un progetto pionieristico all’Aou pisana

logo-aou-pisana

bambina-dentista

Pisa, 19 settembre 2019 – Pisa, cure dentarie, bambini autistici, un trinomio che funziona da ormai tre anni e che rappresenta un unicum a livello nazionale. Grazie a un progetto pionieristico, infatti, in Aou pisana si riesce a curare il cavo orale (igiene, sigillatura molari, carie) dei bambini affetti da autismo senza dover ricorrere alla sedazione o all’anestesia generale. Il tutto come se fosse un gioco.

Utilizzando una App (“My Dentist”), creata appositamente dopo un lavoro di tesi in Odontoiatria e protesi dentaria e in Informatica umanistica, è stato ideato, con l’ausilio di supporti multimediali e di professionalità trasversali, un percorso di familiarizzazione graduale con gli ambulatori odontoiatrici – che solitamente spaventano tutti i bambini – fino ad arrivare alle cure vere e proprie. Senza ricorrere, come detto, alla sedazione cosciente o all’anestesia generale.

Un risultato straordinario, ottenuto inizialmente su un campione selezionato di bambini dai 6 ai 13 anni e che, dal 2016, è andato avanti anche con pubblicazioni scientifiche tanto che se ne parlerà diffusamente nel convegno “Il mio sorriso non è (in)differente”, in programma il prossimo 21 settembre al Polo Piagge di Pisa (inizio alle 8.30). Autismo, prevenzione e tecnologia: questi i temi centrali dell’evento, che illustrerà i risultati degli ultimi due anni del progetto, al quale hanno collaborato Unipi, Aou pisana e Cnr.

Un risultato reso possibile grazie al supporto del Dipartimento di Informatica, con la dottoressa Mariasole Bondioli e la professoressa Susanna Pelagatti, anche presidente dell’associazione “Autismo Pisa e Valdera” e dell’Istituto di Informatica e Telematica del Cnr di Pisa. Il progetto, portato avanti in Aou pisana dalla dottoressa Francesca Pardossi, si è sviluppato sotto la direzione della professoressa Maria Rita Giuca (Unità operativa di Odontostomatologia e chirurgia del cavo orale, diretta dal professor Mario Gabriele), che si occupa da anni di Odontoiatria pediatrica negli ambulatori dell’Ospedale Santa Chiara.

Il gruppo di lavoro si è avvalso della visione in successione su supporti multimediali di CAA (disegni utilizzati per la comunicazione), fotografie e filmati di ambienti domestici, figure familiari e dell’ambiente odontoiatrico (videomodeling).

I bambini sono stati così abituati ai rumori, alla ritualità dei gesti dei familiari e del personale dell’ambulatorio, ai colori e hanno cominciato a collaborare, sedendosi sulla poltrona e facendosi visitare sotto la lampada odontoiatrica, con tutti gli attrezzi del mestiere. Con la necessaria gradualità si sono poi sottoposti a sedute di igiene orale professionale, alla sigillatura dei molari e anche alla cura delle carie semplici.

Un successo senza precedenti se si pensa che, spesso, i bambini affetti da disturbi dello spettro autistico arrivano in età adolescenziale con una dentatura compromessa, dove l’unica soluzione terapeutica è l’estrazione dei denti cariati, che può essere eseguita solo in anestesia generale. In questo modo, invece, si riesce a fare prevenzione anche in un settore, come quello odontoiatrico, che ha sempre rappresentato una grave difficoltà per le famiglie con queste problematiche.

Il progetto è uno dei pochi, a livello internazionale, che integri la tecnologia con la neuropsichiatria e l’odontoiatria per questa tipologia di bambini. L’autismo, infatti, è soprattutto un modo di essere e bisogna saper entrare in quel mondo per migliorare la qualità della vita di chi ne è affetto e dei suoi familiari. Questa applicazione sperimentata a Pisa è riuscita nello scopo.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>