Convegno Internazionale Società Italiana Ustioni, MBC e IHC: a Torino per 4 giorni i più importanti Specialisti

foto CTO

In aumento il numero dei bambini ustionati: 180 accessi al Regina Margherita e 400 al CTO. Attenti a liquidi caldi e all’alcool.

Questo uno dei molti argomenti che verranno trattati e che emergono dalle relazioni che saranno presentate al Convegno Internazionale della Società Italiana Ustioni e della Euro Mediterranean Council and Fire disaster, in programma a Torino al Sermig, dal 16 al 20 novembre.

I temi congressuali approfondiranno tutti gli argomenti più attuali nella diagnostica e terapia delle ustioni, con l’obiettivo di definire i migliori standard assistenziali, in sessioni comuni alle tre società scientifiche e alle diverse figure professionali che ogni giorno lavorano nei nostri Centri Ustioni.

Il Convegno è presieduto dal Dottor Maurizio Stella, Direttore del Centro Grandi Ustionati della Città della Salute di Torino, che lancia anche un avvertimento a tutti i cittadini: bisogna fare prevenzione e stare attenti alle quotidiane e banali cause di ustione, in casa soprattutto.

Il Convegno riunisce a Torino tutti principali specialisti italiani, europei e del bacino del Mediterraneo (da Israele al Libano, dalla Turchia alla Croazia, dalla Siria all’Egitto) per un momento di confronto e dibattito ad alto valore scientifico, con l’obiettivo di avere linee guida condivise e comuni di approccio al paziente.

Anche la scelta del Sermig come luogo congressuale riprende la volontà di cooperare tutti in una stessa direzione: luogo simbolo della nostra città, spazio in cui sorgeva un arsenale militare ora sede di un’organizzazione attiva, dedicata agli altri e ai meno fortunati con molta attenzione ai giovani.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *