Congresso Mondiale di Neurochirurgia. Mancano neurochirurghi in Sierra Leone e Namibia

15-Congresso-Mondiale-Neurochirurgia-2015_2

Roma, 12 settembre 2015 – “Nel 1987, venti Paesi africani non avevamo nessun neurochirurgo, ora il rapporto è cambiato ma occorre fare ancora tanta formazione”, racconta Kazadi Kalangu, direttore del Dipartimento di Neurochirurgia dell’Università di Harare in Zimbabwe.

“In Algeria, Marocco, Tunisia e Sudafrica la presenza di neurochirurghi è maggiore, ma ci sono aree come la Sierra Leone e la Namibia che non ne hanno. La disparità tra il numero dei neurochirurghi e gli ammalati è altissima. In Zimbawe i nostri neurochirurghi operano tumori cerebrali, aneurismi e chirurgia spinale. Mancano macchinari sofisticati come la gammaknife, ma dal punto di vista tecnico riusciamo a fare tutto. Abbiamo – prosegue l’esperto – Centri d’eccellenza in Sudafrica ma qualche volta mandiamo i pazienti in Europa”.

“Sono certo – afferma Kazadi Kalangu – che la neurochirurgia africana si svilupperà anche con il supporto della tecnologia, ma vorrei sottolineare che spesso lo sviluppo non è negli strumenti ma nel cervello dell’uomo”.

“In Africa ci sono tanti macchinari nuovi che finiscono nei musei perché è difficile avere il pezzo di ricambio. Molti africani – rileva lo studioso – pensano che la neurochirurgia sia molto difficile, ma non è vero. Basta essere motivato, entusiasta e lavorare molto. Si impara sempre, anche dai più giovani”, conclude il docente di Harare”.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *