Come mantenere il cervello in salute. Esperti dell’E.O. Ospedali Galliera incontrano i cittadini

logo-ospedali-galliera-genova

cervello-mappatura-testa

Genova, 25 giugno 2018 – L’E.O. Ospedali Galliera e Farmacie Comunali Genovesi hanno organizzato una serie di incontri sulla ‘salute’ sparsi sul territorio del capoluogo ligure.
Dopo il primo evento tenutosi il mese scorso presso il Municipio di Molassana, mercoledì 27 giugno, alle ore 17.30, si replicherà con un appuntamento presso il Circolo Arci L. Cocito (via Isonzo 50r).

In occasione del secondo incontro si parlerà di “Come mantenere il nostro cervello in salute” assieme al dott. Massimo Del Sette (direttore della S.C. Neurologia). Presenterà l’evento il dott. Gian Andrea Rollandi, Coordinatore scientifico del Galliera.

“La Liguria – spiega il dott. Rollandi – è una delle regioni del mondo con indice di vecchiaia più alto. L’invecchiamento della popolazione, oltre a porre dei problemi economici, sociali e di mercato (chi è produttivo e chi è assistito, chi paga le pensioni, come si sviluppa il mercato dei possibili acquirenti di beni e servizi in base alle fasce di età), ne pone altri dal punto di vista sanitario. C’è poi un’altra criticità: l’età d’insorgenza delle patologie croniche della popolazione è sempre più precoce, e il consumo di farmaci per la loro cura è in incremento. Per diversi motivi ci si ammala molto prima e al tempo stesso la medicina cura le diverse malattie consentendo di allungare la sopravvivenza”.

Si può quindi invecchiare a tutte le età ed è proprio da questa premessa che prendono il via le “Sfide della medicina 2018 del Galliera”.
I genovesi sono invitati a partecipare all’incontro per ascoltare, informarsi e porre quesiti allo specialista. Ingresso libero.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>