Cardiochirurgia Robotica. Partirà a Siena il primo programma regionale

logo-aou-senese

briani-tosi-lisi-casula-aou-senese

Da sinistra: Silvia Briani, Pierluigi Tosi, Gianfranco Lisi, Roberto Casula

Siena, 21 marzo 2016 – Partirà presto a Siena, presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese, il primo programma in Toscana di Cardiochirurgia Robotica, l’ultima frontiera della mininvasività in cardiochirurgia. Si è svolto oggi l’incontro operativo tra il direttore generale Pierluigi Tosi, il direttore sanitario, Silvia Briani, il dott. Roberto Casula, cardiochirurgo dell’Imperial College di Londra, uno dei massimi esperti internazionali di cardiochirurgia robotica, e il dott. Gianfranco Lisi, responsabile della Cardiochirugia Mininvasiva. Il dott. Casula contribuirà ad allestire il programma di cardiochirurgia robotica.“Si tratta di una significativa evoluzione della proposta chirurgica robotica di alta specializzazione del nostro ospedale – ha detto Tosi – attraverso la quale si completerebbe l’offerta di cardiochirurgia mini-invasiva, proposta con ottimi risultati già da alcuni anni presso il reparto di Chirurgia del Cuore e Grossi vasi, e che ha visto l’accesso di un numero crescente di pazienti che hanno potuto beneficiare di diverse metodiche, con riduzione dell’invasività e risultati chirurgici adeguati”.

A seguire si è tenuto un meeting informativo e organizzativo presso la biblioteca del reparto di Chirurgia del Cuore e Grossi Vasi, diretta dal prof. Giuseppe Gotti, insieme a tutto il personale del Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare, diretto dal dott. Roberto Favilli, con l’obiettivo di presentare il progetto pilota di Cardiochirurgia Robotica in collaborazione con il dott. Casula.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *