Capodanno di lavoro per gli operatori dei PS e del 118 in Toscana

logo-azienda-usl-toscana-sud-est-arezzo

operatori-ps-e-118-arezzo

Arezzo, 1 gennaio 2018 – Una notte di lavoro, quella di Capodanno, per i Pronto soccorso e il 118 della provincia di Arezzo. Ecco gli interventi del 118.

Per intossicazione etilica:

  • 23:12. Pian di Scò, intervento in abitazione per ragazza di 14 anni. Portata in codice giallo alla Gruccia;
  • 00:01, soccorso ragazzo di 16 anni al Prato di Arezzo. Per lui codice giallo;
  • 2:31, soccorso uomo 26enne in piazza S. Agostino ad Arezzo (codice verde);
  • 3:05, in abitazione ad Arezzo soccorso ragazzo di 18 anni in codice giallo;
  • 3:31, soccorsa e trattata in casa (codice rosso) ragazza di 18 anni non cosciente ad Arezzo;
  • 4:45, intervenuto 118 di fronte ad un locale aretino per persona intossicata da alcool che ha rifiutato il trattamento. Nel frattempo è scoppiata una rissa ed è stato medicato un 20enne che ha detto di essere stato colpito alla testa da una bottiglia.

Il 118 non ha registrato interventi per ferite da fuochi: solo un trasferimento ad Arezzo alle 1:12 per un 47enne che si è recato da solo alla Gruccia per una ferita da petardo all’occhio.

Gli interventi in Pronto Soccorso:

  • Sansepolcro: accessi da normale routine;
  • Bibbiena: accessi da normale routine a parte un 17enne ubriaco che è stato tenuto in osservazione per alcune ore e poi dimesso;
  • Arezzo: nessun ferimento per petardi o scoppi, discreto afflusso per patologie mediche tipiche del periodo;
  • Fratta: 1 giovane di 25 anni ubriaco e un giovane che è stato colpito alla fronte da un sassolino per lo scoppio di un petardo: curato e poi dimesso;
  • Montevarchi: una giovane ubriaca e un ragazzo lievemente ferito per rissa in un locale.
Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>