Blefaroplastica: considerazioni estetiche e funzionali in previsione dell’intervento

Mario-Dini-1-bis

Prof. Mario Dini – Chirurgo plastico estetico

“Gli occhi sono lo specchio dell’anima”, diceva Platone nel Fedro, nel senso che è proprio dal primo impatto, in un incontro, che nascono in maniera immediata le nostre sensazioni, simpatie, attrazione, antipatia, diffidenza, le sfumature emotive più intime. Ed è chiaro che la gradevolezza dell’aspetto è un appeal in più perché è sicuramente un sinonimo di sicurezza e successo, nella vita e nel lavoro. E, oltre alla moda e al trucco, l’importanza della chirurgia plastica estetica per correggere e migliorare difetti si pone come necessità, non solo per creare bellezza, ma per raggiungere un equilibrio maggiore con noi stessi, in termini di serenità.

La regione periorbitale è il fondamento di un aspetto esteticamente giovanile, e la blefaroplastica, l’intervento chirurgico che permette il rimodellamento estetico delle palpebre, ha un ruolo fondamentale nel ringiovanimento del volto.

Il chirurgo plastico deve personalizzare gli interventi chirurgici, in quanto l’estetica varia da paziente a paziente. Le aspettative del paziente devono essere identificate e discusse prima di un intervento chirurgico, e il chirurgo plastico deve programmare l’intervento secondo le possibilità tecniche chirurgiche nel rispetto dell’anatomia e della funzionalità. Il chirurgo deve sempre analizzare attentamente la forma e la funzione della regione periorbitale, in modo che l’intervento migliori entrambi questi aspetti.

occhi-1Una varietà di tecniche chirurgiche sono state descritte per migliorare l’estetica delle palpebre, cercando di avere i migliori risultati possibili, un più rapido recupero post operatorio e meno complicanze. Nella visita preoperatoria infine deve essere analizzata la possibilità che vi sia una ptosi palpebrale superiore, una lassità della palpebra inferiore, gli occhi prominenti, e la xeroftalmia (secchezza oculare), cioè difetti che potrebbero complicare l’intervento di blefaroplastica.

In generale, i pazienti desiderano ottenere un aspetto della palpebra superiore che sia coerente con quella della loro giovinezza passata. Sia nelle donne che negli uomini è fondamentale ottenere un risultato normale e naturale e inoltre negli uomini, è indispensabile evitare un aspetto femminilizzato, mantenendo un adeguato volume di palpebra superiore.

La resezione della pelle e l’asportazione del grasso nella palpebra superiore deve essere sempre moderato in modo da evitare un aspetto scavato e innaturale.

Mario Dini

Mario Dini

Chirurgo plastico estetico

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

1 Risposta

  1. giuseppe scrive:

    Mia moglie con la blefaroplastica ha risolto in una giornata di day hospital. Voleva regalarsi un nuovo sguardo e l’ho supportata nella scelta. Il risultato è evidente da subito, anche se per alcuni giorni ha avuto dei normalissimi lividi, e l’effetto dura per molti anni. L’importante è rivolgersi ad una struttura seria e ad un medico competente ed esperto. Purtroppo, come ha detto anche il professor Marco Castelli, specialista in chirurgia che effettua blefaroplastiche in Italia e in Svizzera, bisogna raccogliere informazioni sul chirurgo cui ci vogliamo rivolgere per evitare di trovare brutte sorprese o addirittura con danni irreversibili.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>