Belen Rodriguez porta un sorriso ai bambini ricoverati all’ospedale Gaslini

logo-gaslini

belen-rodriguez-gaslini-1

Genova, 6 dicembre 2017 – Si è appena conclusa la visita privata della showgirl Belen Rodriguez all’Istituto Giannina Gaslini, dove ha incontrato i bambini ricoverati in tre dei reparti più complicati e ad altissima specializzazione del policlinico pediatrico di Genova.

Capelli raccolti, jeans, maglietta e un cappottino color panna: una Belen semplice e dolcissima ha fatto il giro di tre reparti, intrattenendosi con bambini, mamme e personale dell’ospedale pediatrico genovese per oltre due ore, senza risparmiarsi. La presentatrice argentina ha fatto veramente una bellissima sorpresa a tutti prestandosi a fare foto, firmando autografi e cercando parole di conforto per tutti i genitori incontrati, e ha dato baci, abbracci e carezze a tutti i bimbi.

È arrivata nell’UOC Patologia Neonatale, dove è stata accolta dal primario Luca Ramenghi, che l’ha accompagnata ad incontrare i genitori dei ‘piccolissimi’; un reparto che accoglie i bambini nati prematuri o con patologie neonatali, un impatto emotivo che ha commosso moltissimo la presentatrice argentina, mamma di un bellissimo bimbo di quattro anni.

belen-rodriguez-gaslini-2

La visita è proseguita poi in Neurochirurgia, dove Belen ha incontrato il primario Armando Cama e tutto il suo staff e ha avuto modo di coccolare e parlare in spagnolo con un piccolo di Santo Domingo, in cura grazie ad una collaborazione internazionale.

La visita si è conclusa con la visita della Clinica Pediatrica-endocrinologia, dove ha incontrato il direttore Mohamed Maghnie e tantissimi bambini ricoverati con gravi patologie. Un incontro che ha portato un momento di allegria e sollievo a molte famiglie e che Belen ha promesso di ripetere appena possibile.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>