Basket e nuoto per ragazzi disabili. Al via in Sicilia progetto pilota

logo Azienda Ospedaliera Villa Sofia-Cervello

Palermo, 30 agosto 2017 – Avvicinare e far praticare uno sport ai ragazzi disabili e favorirne l’inclusione sociale. Questo l’obiettivo di “Candido Junior Camp 1° Sport Summer Paralimpico”, progetto pilota a livello nazionale che approda ora in Sicilia, ed è in programma a Palermo dall’1 al 4 settembre e a Ragusa dal 5 all’8 settembre.

Un’iniziativa rivolta ai giovani disabili dagli undici ai ventuno anni che avranno l’opportunità di praticare basket e nuoto sotto la guida di tecnici federali accreditati e l’assistenza e il controllo di medici, terapisti della riabilitazione e infermieri specializzati, messi a disposizione dall’Azienda Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello.

L’evento è organizzato e promosso dalla Federazione Italiana Pallacanestro in Carrozzina (Fipic), dalla Federazione Italiana Nuoto Paralimpico (Finp), dalla Fondazione Candido Cannavò e da Briantea84, con il sostegno de La Gazzetta dello Sport, del Comune di Palermo, del Comitato Italiano Paralimpico e del Progetto regionale sulle Mielolesioni (capofila Villa Sofia-Cervello).

Il Camp avrà come sedi a Palermo la Piscina Olimpica Comunale per il nuoto e il PalaMangano per il basket.
Il “Candido Junior Camp 1° Sport Summer Paralimpico” verrà presentato ufficialmente domani giovedì 31 agosto nel corso di una conferenza stampa in programma alle 10,30 a Villa Niscemi, presso la Sala delle Carrozze.

Saranno presenti fra gli altri il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando, gli organizzatori, Filippo Lo Bue, Delegato Regionale Fipic, e Ninni Gambino, Delegato Regionale Finp e i rappresentanti della Fondazione Candido Cannavò, di Briantea84 e de La Gazzetta dello Sport.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>