Autismo, Jacqueline Nadel al Policlinico Umberto I di Roma

logo-policlinico-umberto-I-def

Roma, 1 aprile 2017 – Nella Giornata mondiale per la consapevolezza sull’Autismo, 2 aprile 2017, il Policlinico Umberto I di Roma – Università “La Sapienza” ospiterà la prof.ssa Jacqueline Nadel, Direttore di Ricerca presso il CNRS USR3246 (Centre Emotion, Hopital de La Salpetrière, Parigi), specialista nello sviluppo della comunicazione non verbale, sulla base di imitazione ed emozione che alle 9.00 (presso l’Aula Magna della Neuropsichiatria Infantile “Giovanni Bollea” di via dei Sabelli 108) terrà una lettura magistrale su “l’imitazione come strumento per lo sviluppo della comunicazione nell’autismo”.

Come confermato dalla prof.ssa Carla Sogos, componente del Comitato scientifico dell’evento, Referente, con il dott. Francesco Cardona e la dott.ssa Roberta Penge, del Servizio Diagnostico e Terapeutico per i Disturbi dello Spettro Autistico della Neuropsichiatria Infantile (NPI), per la studiosa Nadel l’imitazione può rappresentare una tecnica per promuovere la crescita, l’apprendimento e la comunicazione nei bambini con disturbo dello spettro autistico.

In Italia, la Fondazione Italiana Autismo (FIA) promuove la campagna raccolta fondi che terminerà l’8 maggio (con un SMS Solidale al 45541, si potrà donare 2 euro), per finanziare progetti di ricerca scientifica, l’inclusione scolastica, la formazione degli insegnanti e degli operatori sanitari.
Anche se l’autismo è stato inserito nei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza (LEA), per gli organizzatori c’è ancora molto da fare per migliorare la vita dei bambini, ragazzi ma anche adulti con questi disturbi e aiutare anche le famiglie per vincere dall’isolamento sociale.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *