Anpas, conclusa l’esercitazione di Protezione civile magnitudo 5.5. Simulazione di un terremoto nel pinerolese

logo-anpas-piemonte

anpas-esercitazione-terremoto-5Grugliasco (TO), 18 giugno 2016 – “Magnitudo 5.5”, l’esercitazione nazionale di Protezione civile organizzata dal settore Protezione civile e Sistema antincendi boschivi della Regione Piemonte in collaborazione con il Dipartimento della Protezione civile, svoltasi a Torino e nel Pinerolese tra il 14 e 16 giugno, si è conclusa con il debriefing e i ringraziamenti ai partecipanti.

L’esercitazione è iniziata con la notizia di una violenta scossa di terremoto di 5.5 gradi Richter che aveva colpito il Pinerolese, seguita nel pomeriggio da un’altra scossa di grado 4.0.

anpas-esercitazione-terremoto-1Anpas ha partecipato con volontari, mezzi di protezione civile della propria Colonna mobile e la Struttura protetta per l’infanzia che fa parte della Colonna mobile della Regione Piemonte ed è stata allestita nel campo di accoglienza di Pinerolo. Anpas è intervenuta inoltre con il proprio nucleo di valutazione.

anpas-esercitazione-terremoto-3Marco Lumello, responsabile della Sala operativa regionale e nazionale Anpas, ha dichiarato: “Magnitudo 5.5 è stata una grande esercitazione che ha coinvolto sia il Comitato regionale Anpas con la Struttura protetta in convenzione con la Regione Piemonte e sia la Colonna mobile Anpas. I risultati sono stati eccellenti perché come esercitazione valutativa ha evidenziato alcune criticità dando la possibilità di migliorare le strutture, le procedure di allertamento, di attivazione e di movimentazione. L’intervento di Anpas sia a livello regionale, con la risposta immediata da parte delle Pubbliche Assistenze, sia a livello nazionale con l’attivazione delle varie Sale operative regionali, nonché del nucleo di valutazione, è stato tempestivo e svolto con professionalità. In conclusione anche quelli che potevano sembrare dei tempi morti in realtà erano un rispetto di regole e procedure che hanno permesso si organizzare ed essere poi in grado nella realtà di muovere in tempi veramente brevi quelle che sono le strutture sia della colonna mobile regionale e nazionale”.

anpas-esercitazione-terremoto-4La simulazione ha riguardato Pinerolo, Perosa Argentina e Luserna San Giovanni e ha portato ad ospitare circa 2.200 persone nei campi di accoglienza, nelle strutture al coperto (scuole, palestre e caserme) e negli alberghi, all’allestimento di posti medici avanzati di primo e secondo livello per il soccorso dei feriti lievi, alle verifiche statiche degli edifici per la perimetrazione delle zone rosse.

All’esercitazione hanno partecipato oltre 700 uomini e donne, tra volontari delle colonne mobili delle Regioni, delle Province autonome e delle organizzazioni nazionali, operatori ed esperti della Protezione civile, vigili del fuoco, personale delle forze armate e dell’ordine e delle altre strutture operative e territoriali.

anpas-esercitazione-terremoto-2Il 15 giugno, il Capo Dipartimento della Protezione civile, Fabrizio Curcio ha effettuato un sopralluogo nelle strutture temporanee di accoglienza allestite nelle zone interessate e si è recato nella sede della Protezione civile regionale di corso Marche 79 a Torino per visitare la Sala operativa e la Direzione comando e controllo nazionale.

Il Capo Dipartimento ha definito l’esercitazione un’occasione importante perché il sistema è efficiente ma va continuamente testato per migliorarlo sempre più. Inoltre, ha definito la Protezione civile del Piemonte un’eccellenza a livello nazionale che ha saputo svilupparsi gestendo le situazioni di emergenza verificatesi dal 1994 in poi.

Organizzata dal settore Protezione civile e Sistema antincendi boschivi della Regione in collaborazione con il Dipartimento della Protezione civile, l’esercitazione, la prima del 2016 a livello italiano, si è posta l’obiettivo di testare la funzionalità dei sistemi regionale e nazionale nella zona a maggior rischio sismico del Piemonte.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *