Angioedema, inaugurato all’ospedale Cervello il centro di riferimento regionale

logo Azienda Ospedaliera Villa Sofia-Cervello

francesco-arcoleo-e-baldo-gucciardi

Da sinistra: Francesco Arcoleo e Baldo Gucciardi

Palermo, 29 maggio 2017 – I pazienti affetti da angioedema hanno una nuova casa. Inaugurato all’ospedale Cervello i nuovi locali del centro di riferimento regionale, per una patologia rara che interessa una persona su 50mila, con circa 180 casi in Sicilia. Responsabile del Centro, che fa capo all’Unità operativa di Patologia Clinica, è il dott. Francesco Arcoleo.

Il nuovo Centro Angioedema di Palermo sarà destinato come sede per visite, colloqui, prescrizioni e procedure inerenti la patologia, con l’obiettivo di migliorare e facilitare tutto il percorso dei pazienti, dalla diagnosi, all’assistenza, alla terapia.

L’angioedema è una malattia che provoca gonfiori degli strati più profondi della cute e delle mucose, del tratto intestinale e delle vie aeree superiori, con grave rischio di asfissia per edema della glottide.

All’inaugurazione sono intervenuti fra gli altri l’assessore regionale alla salute Baldo Gucciardi, il Direttore Sanitario dell’Azienda Villa Sofia-Cervello, Pietro Greco, lo stesso dott. Francesco Arcoleo, organizzatore e coordinatore dell’evento, diversi medici e Direttori di Unità operative di Villa Sofia-Cervello fra i quali Maria Piccione (malattie rare) e Tomaso Stampone (patologia clinica e microbiologia), specialisti e responsabili di centri angioedema italiani, diversi pazienti del centro, nonché i rappresentanti dell’Associazione siciliana per l’Angioedema ereditario, che nel nuovo spazio avrà anche la sua sede.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *