Alleanza scientifica tra Fondazione Padre Pio e Università di Foggia

serena-filoni

Dott.ssa Serena Filoni

Foggia, 13 marzo 2017 – La Fondazione Padre Pio Onlus e l’Università degli Studi di Foggia confermano un percorso condiviso di collaborazione che è iniziato nel 2010 e proseguirà negli anni a venire nella definizione di un percorso di didattica e ricerca scientifica che arricchirà tutti: assistiti, territorio, studenti e professionisti.

prof-maurizio-ricci-rettore-uni-foggia

Prof. Maurizio Ricci

Per giovedì 16 marzo alle ore 10:30, presso la sala consiliare di Palazzo Ateneo (via Gramsci 89/91, VI piano) è stata indetta dal Magnifico Rettore dell’università degli studi di Foggia, prof. Maurizio Ricci una conferenza stampa, a cui parteciperanno: fra Mariano Di Vito OFM Cap, in rappresentanza del CdA della Fondazione e di tutti i frati minori Cappuccini della provincia religiosa di Sant’Angelo e Padre Pio, la dott.ssa Serena Filoni, Direttore Sanitario del Presidio d’eccellenza “Gli Angeli di Padre Pio” e il dott. Giacomo F. Forte della Direzione Esecutiva.

dott-giacomo-francesco-forte

Dott. Giacomo Francesco Forte

L’accordo prevede la collaborazione scientifica tra i due importanti Enti, la didattica e la ricerca. Particolarmente importanti, saranno le convenzioni che scaturiranno dall’accordo quadro. Tra quelle più attese, la possibilità per gli studenti della scuola di specializzazione in medicina fisica e riabilitativa di praticare il tirocinio formativo presso il Presidio “Gli Angeli di Padre Pio” una struttura di riabilitazione d’eccellenza di livello internazionale, dotata di tecnologie altamente innovative e di apparecchiature per l’erogazione di prestazioni riabilitative assistite da robot.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *