Alimentazione della donna e del bambino: le novità scientifiche in un convegno a Roma

logo-gemelli-cattolica

gravidanza-donna-bambina

Roma, 26 ottobre 2018 – Domani, sabato 27 ottobre, dalle ore 8.30 alle ore 13.30, presso la Sede ENPAM a Roma (Via Torino 38) si svolgerà il convegno “Nutrizione punto e a capo: le novità scientifiche sull’alimentazione della donna e del bambino”.

Una task force di pediatri, ginecologi e nutrizionisti della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS e della Federazione Italiana Medici Pediatri di Roma si confronterà sulle ultime novità medico scientifiche legate all’alimentazione della donna e del bambino e su come un corretto stile di vita possa già delineare un percorso di crescita equilibrata nel neonato.

Il convegno è presieduto dal professor Eugenio Maria Mercuri, Direttore Area Salute del Bambino della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, che aprirà i lavori insieme al professor Giovanni Scambia, Direttore Scientifico della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS e alla dott.ssa Teresa Rongai, Segretario Fimp Roma e Lazio.

La nutrizione della futura mamma, già a partire dal periodo pre-concezionale, fino a tutto il periodo in cui il bambino verrà allattato al seno è oggetto di studi continui da parte della comunità scientifica. È importante che si crei un link permanente che favorisca una vita sana nei suoi vari aspetti tramite una nutrizione corretta e l’adozione di stili di vita salubri.

Per la donna: dall’infanzia all’adolescenza sino alla maturità, passando per la gravidanza e l’allattamento. Per il bambino: in tutte le epoche al fine di prevenire in futuro l’epidemia di malattie non trasmissibili e favorire una crescita psico-fisica equilibrata.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *