Al Sant’Orsola a lezione delle 8 mosse salvavita per i più piccoli

loghi-sant'orsola

Bologna, 14 ottobre 2015 – Otto manovre per salvare una vita. Al Sant’Orsola il 16 ottobre due iniziative per insegnare adulti, bambini e insegnanti la cultura del soccorso. L’occasione è Viva!2015, la settimana europea della rianimazione cardiopolmonare promossa dall’Italian Resuscitation Council (IRC) in programma dal 12 al 18 ottobre e realizzata al Policlinico a cura del Dipartimento di Emergenza.

Dalle 10.00 alle 17.00 al padiglione 4, medici e specialisti saranno a disposizione di adulti e studenti per sensibilizzare, con l’ausilio di manichini e materiale informativo, al riconoscimento dell’arresto cardiaco, all’allertamento immediato del pronto soccorso e all’esecuzione precoce delle manovre di rianimazione cardiopolmonare.

Sempre al padiglione 4 una stazione verrà invece attrezzata esclusivamente per le manovre di disostruzione della via aerea, causa principale di arresto cardiaco nel bambino, grazie alla presenza dei Rianimatori pediatrici e del personale della Pediatria d’Urgenza.

Si tratta di manovre elementari, che possono salvare una vita, che chiunque anche senza una preparazione sanitaria professionale, può eseguire e che se praticate tempestivamente prima dell’arrivo dei soccorsi, anticipano i tempi di intervento, triplicando le possibilità di sopravvivenza di chi è colpito da arresto cardiaco.

L’altra iniziativa in programma al Sant’Orsola si chiama invece “Kids save lives” e si propone di educare gli insegnanti per formare gli studenti sul riconoscimento precoce dell’arresto cardiaco. Una formazione promossa direttamente dall’insegnante e diversificata per fasce di età può eliminare la paura e la resistenza ad intervenire in condizioni di reale pericolo per la salute e dunque a salvare una vita.

I contenuti del progetto saranno raccolti in un kit multimediale gratuito e scaricabile on-line dal sito www.settimanaviva.it di IRC.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *