Agricoltura e cambiamenti climatici, workshop internazionale a Pisa sul progetto Copernicus

logo-scuola-sant-anna-pisa

germoglio-terra-ambiente

Pisa, 25 giugno 2019 – Grazie ai sensori dei satelliti sentinella del progetto Copernicus è possibile elaborare modelli numerici che simulano la dinamica di crescita delle specie vegetali al suolo e le loro capacità di adattamento agli stress climatici.

La lettura di questi dati e tutte le possibili implicazioni relative allo studio dei cambiamenti saranno al centro del workshop “Earth-system, climate change and the European Copernicus service” promosso nell’ambito del “Progetto Clima” ,iniziativa congiunta  della Federazione di Scuola Superiore Sant’Anna, Scuola Normale Superiore, Scuola Universitaria Superiore IUSS Pavia, in collaborazione con l’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna e  dal PhD in AgroBioScienze, che si terrà giovedì 27 giugno a partire dalle ore 14.00 presso l’Aula Magna della Scuola Superiore Sant’Anna.

Si parlerà dell’impatto dei dati che provengono dallo Spazio, della loro lettura e degli ulteriori investimenti che il Progetto Internazionale Copernicus prevede per i prossimi anni attraverso gli interventi di Roberto Buizza fisico ed esperto di climatologia della Scuola Superiore Sant’Anna; di Souhail Boussetta e di Carlo Buontempo dell’European Centre for Medium-Range Weather Forecasts, Reading, UK.

Seguirà un intervento di Luca Sebastiani, direttore dell’Istituto di Scienze della Vita, che illustrerà, con il contributo di Pierdomenico Perata, Laura Ercoli, Chiara Pucciariello, Enrico Pè e Rudy Rossetto, gli studi che i ricercatori delI’Istituto stanno conducendo sul tema dell’impatto del cambiamento climatico sulle colture agrarie e sulle azioni di mitigazione e adattamento che l’agricoltura può perseguire.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>