Acalasia esofagea, chirurgia endoscopica su 47enne affetta da sindrome di Down. Primo intervento in Romagna

logo-ausl-romagna

giovanardi-triossi-maselli-fabbri

da sin: Mauro Giovanardi, Omero Triossi, Roberta Maselli e Carlo Fabbri

Forlì, 30 ottobre 2019 – “L’acalasia esofagea è una patologia ad eziologia sconosciuta, caratterizzata dal mancato rilasciamento dello sfintere esofageo inferiore durante la deglutizione – spiega il dott. Carlo Fabbri, direttore della UO di Endoscopia Digestiva di Forlì e Cesena – La malattia, annoverata tra le patologie rare è molto invalidante e si presenta con disfagia, rigurgito alimentare, dolore toracico e porta i pazienti a perdere peso in maniera repentina fino anche ad un quadro di cachessia se non si arriva ad una diagnosi in tempi adeguati. La diagnosi è difficoltosa e molto spesso viene effettuata solo da specialisti di patologia esofagea, perché prevede l’esecuzione di una radiografia del tubo digerente con mezzo di contrasto, una manometria esofagea e una gastroscopia. L’acalasia è il disordine motorio primitivo più frequente dell’esofago”.

“Qualche anno fa – prosegue il dott. Fabbri – in Giappone, il prof. Haruhiro Inoue, della Showa University, ha ideato una nuova procedura endoscopica che si propone come alternativa alla chirurgia nel trattamento dell’Acalasia. Si tratta della P.O.E.M. (Per-Oral Endoscopic Myotomy) e consiste nell’eseguire una miotomia esofagea per via endoscopica, evitando quindi l’incisione cutanea, necessaria per l’atto chirurgico convenzionale. La durata media della procedura è di circa 90 minuti. I vantaggi della metodica sono, oltre alla mini-invasività, il minore dolore postoperatorio e le scarse aderenze (il che non pregiudica anche un eventuale intervento chirurgico laparoscopico nei casi di insuccesso endoscopico). In Italia sono tredici i centri che sono in grado di effettuare questa tecnica e in Romagna non era mai stata applicata. La maggior parte dei pazienti può tornare a casa dopo tre giorni e riprendere mangiare normalmente”.

“Questo primo intervento in Romagna – ha spiegato il dott. Omero Triossi, responsabile della UO di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva di Ravenna, presente all’evento con il dott. Mauro Giovanardi, direttore della omonima Unità Operativa  di Rimini – è solo la prima tappa di un progetto di formazione che l’Ausl Romagna ha iniziato con la dottoressa Maselli e con l’Humanitas di Milano, che proseguirà con una formazione in loco degli endoscopisti romagnoli, per arrivare a costituire un team di medici specializzati nella chirurgia endoscopica endoluminale”.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>