Tradimento: i benefici e gli effetti collaterali

dott marco rossi foto autorizzata_bis

Dott. Marco Rossi

Nella nostra mente e nella nostra cultura il tradimento ha una connotazione negativa: non per altro Dante nella Divina Commedia relega i due adulteri Paolo e Francesca in un girone infernale. Non è detto però che il tradimento sia sempre e solo negativo, anche perché metà degli italiani sarebbe relegato nel girone dei lussuriosi, infatti un recente sondaggio rivela che un italiano su due ha l’amante. Il che significa che “se non siamo noi, è il nostro partner”.

Ma quali sono i pro e i contro del tradimento?

tabella-tradimento-marco-rossi

Questi sono solo alcuni dei pro e contro del tradimento, ma è importante sapere che molti traditori tradiscono prima di tutto loro stessi e che la fedeltà non viene dal tradimento, ma deve essere conquistata ogni giorno con quello che io chiamo “il potere della fedeltà”.

Perché si tradisce:

  • perché ci si innamora di un altro/a (30%);
  • per combattere la routine, desiderio di evasione(22,6%);
  • per trasgredire, voglia di sedurre, bisogno di una sessualità diversa (19%);
  • perché ci si sente trascurati dal partner (15,3%);
  • perché si è insoddisfatti della propria vita, bisogno di conferme (12,8%);
  • per vendetta…
Marco Rossi

Marco Rossi

Specialista in Psichiatria. Psicoterapeuta, Sessuologo Clinico. Presidente Società Italiana di Sessuologia ed Educazione Sessuale

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>